This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

Coronavirus COVID-19. Focus Grecia

 

Coronavirus COVID-19. Focus Grecia

Al 12 aprile 2021, il totale dei casi di infezione da coronavirus in Grecia ammonta a 295.480, di cui 780 in terapia intensiva, mentre 8.885 sono i decessi. Per i dati statistici analitici (totali e giornalieri) forniti dalle Autorità elleniche in merito alla diffusione del contagio in Grecia, clicca qui.

Dal 7 novembre 2020 l'intero territorio greco è in lockdown. A seconda dell'indice di contagio nelle singole Regioni, vengono applicate misure di prevenzione variabili: è disponibile, a cura delle Autorità elleniche, una mappa interattiva (in greco) che distingue il livello di rischio delle varie zone ed elenca le relative misure.

Vige la limitazione alla circolazione diurna (gli spostamenti sono consentiti su autocertificazione soltanto per alcune casistiche, vedasi la sezione "SPOSTAMENTI INTERNI ALLA GRECIA" più in basso) e il divieto di circolazione notturna (dalle 21.00 alle 5.00 tutti i giorni in tutta la Grecia; sono consentiti soltanto gli spostamenti per motivi di salute e per accompagnare animali domestici in prossimità dell'abitazione).

Misure specifiche in vigore: è stata disposta la chiusura delle scuole per i gradi elementari e medi di istruzione, con didattica a distanza (le superiori invece hanno riaperto in presenza il 12 aprile); sono operativi, in modalità click away e click in shop (su appuntamento) gli esercizi commerciali e servizi, parrucchieri, centri estetici, parchi e siti archeologici. I mezzi di trasporto pubblici operano al massimo al 65% della loro capacità. Resta invece immutato il divieto per ristoratori e bar, in vigore da inizio da novembre, di aprire se non per asporto e consegne a domicilio.

SPOSTAMENTI DA E PER L'ESTERO:

Tutti i viaggiatori provenienti dall'estero (quale che sia il Paese di provenienza o la cittadinanza), tranne i bambini al di sotto dei 10 anni, per fare ingresso in Grecia sono tenuti a presentare un test di laboratorio (in inglese) col metodo PCR tramite tampone laringofaringeo o rinofaringeo, avente esito negativo, effettuato nelle 72 ore precedenti all’arrivo in Grecia. Il certificato con il risultato negativo del test Covid deve essere scritto in inglese e indicare gli estremi del documento di identità del viaggiatore.

Per tutti coloro che faranno ingresso in Grecia fino alle ore 06.00 del 19 aprile, è previsto l’obbligo di rispettare un periodo di quarantena cautelare di sette giorni (o, in caso di permanenza per periodi inferiori, per tutto il periodo di permanenza); in aggiunta,  è previsto a campione un test rapido effettuato all'arrivo in aeroporto. L'obbligo di quarantena non si applica ai passeggeri di voli in transito, a condizione che non escano dall'area transiti dell'aeroporto. 

Rimane inoltre necessario compilare il modulo Passenger Locator Form (PLF) sul sito travel.gov.gr almeno 24 ore prima del proprio arrivo in Grecia. Si precisa che la pagina travel.gov.gr è gestita dalle Autorità greche e non dall’Ambasciata d’Italia ad Atene. Per quesiti legati al funzionamento del sito (non consultabile con i browser Edge e Internet Explorer, si consiglia di utilizzare browser alternativi) e/o dubbi sull’ingresso nel Paese connessi alla compilazione del PLF è possibile contattare il numero di assistenza indicato e gestito dalle Autorità greche: 00302155605151. I viaggiatori riceveranno un'e-mail di conferma al momento del completamento del PLF. Alla mezzanotte (ora locale) del giorno del proprio arrivo in Grecia riceveranno una seconda mail che conterrà il PLF insieme al proprio codice Quick Response (QR).

Si ricorda che per Decreto le compagnie aeree hanno l’obbligo di NON imbarcare i passeggeri sprovvisti del risultato negativo di test molecolare e di PLF/QR code.

Le Autorità greche si riservano la possibilità di sottoporre i passeggeri in arrivo a un test rinofaringeo (tampone). Non è possibile sapere in anticipo se si verrà sottoposti al test a campione, che viene somministrato secondo criteri randomici, non noti a priori.

A partire da martedì 10 novembre 2020, tutti i cittadini (greci o stranieri) residenti in Grecia in partenza per l'estero dovranno compilare anche in uscita e almeno 24 ore prima del viaggio il modello Passenger Locator Form sul sito travel.gov.gr.

Dal 9 novembre 2020 vige il divieto di navigazione e di attracco per le navi da crociera e le imbarcazioni da diporto, private o professionali, battenti qualsiasi bandiera, provenienti dall’estero.

Fino al 19 aprile 2021: vige un limite massimo di 4.000 viaggiatori a settimana in ingresso dalla Federazione Russa; per tutti i viaggiatori in ingresso dal Regno Unito, oltre all'esibizione di test negativo è obbligatorio, al termine del periodo di quarantena di 7 giorni, sottoporsi nuovamente a test. Resta per tutti l’obbligo di esibizione di test negativo e di compilazione del modulo PLF. 

Dal 7 novembre 2020 non è possibile accedere in Grecia tramite i collegamenti stradali e ferroviari con i Paesi confinanti. Fanno eccezione i seguenti valichi di frontiera:

Dal valico di Promachonas è possibile fare ingresso in Grecia con orario limitato (7am-11pm) e su esibizione di test molecolare (PCR) negativo effettuato entro le ultime 72 ore (necessaria la certificazione del risultato in inglese) e con l’obbligo di compilazione del modulo PLF il giorno prima dell’arrivo. Al valico si verrà inoltre sottoposti a rapid test.

Per i trasporti sanitari, i cittadini greci, i titolari di permesso di soggiorno e i residenti, sarà possibile fare ingresso nel Paese dai valichi di Kakavià ed Evzones con orario limitato (7am-7pm) e Kypi con orario limitato (7am-11pm), su esibizione di test molecolare (PCR) negativo effettuato al più tardi entro le ultime 72 ore (necessaria la certificazione del risultato in inglese) e con l’obbligo di compilazione del modulo PLF il giorno prima dell’arrivo. Al valico si verrà inoltre sottoposti a rapid test. 

Per i valichi di Promachonas, Nymphea, Kakavià ed Evzones sono in vigore le seguenti restrizioni: 1. Il limite giornaliero di persone che possono entrare nel Paese è 400; 3. Obbligatorio un rapid test per tutti in arrivo, incluso il trasporto merci; 4. Obbligo di presentare un test negativo per tutti i passeggeri in arrivo, ad eccezione del trasporto merci; 5. Tutti coloro che entrano nel Paese, escluso il trasporto merci, vengono posti in isolamento fiduciario per 7 giorni; 6. Tutti coloro che entrano nel Paese, compreso il trasporto merci, dai valichi di Kakavià ed Evzones, vengono posti in isolamento fiduciario per 14 giorni, ma per gli autotrasportatori il periodo s’interrompe qualora vada intrapreso un nuovo trasporto internazionale.

Per il trasporto merci, è possibile fare ingresso in Grecia dai valichi di terra senza presentare un esito negativo di test molecolare, ma è necessario compilare il modulo PLF. Specificatamente per i valichi di Nymphea, Ormeni e Exochì è ammesso il transito di un solo (1) passeggero per veicolo. Il passaggio dei camion per il trasporto merci dai valichi di confine di Kakavià e Evzoni è possibile a condizione di risultato negativo dei conducenti sottoposti a rapid test antigenico per il coronavirus COVID-19 e in particolare per il valico di confine di Kakavià nella fascia oraria dalle 7:00 fino alle 19:00 e dal valico di confine di Evzoni dalle 7:00 fino alle 23:00. Una volta fatto ingresso nel Paese, è necessario recarsi senza indugio alla destinazione, ove poi effettuare un periodo di 7 giorni in isolamento fiduciario. L'isolamento si interrompe nel caso debba essere effettuato un nuovo tragitto internazionale prima del termine dei 7 giorni. 

CIRCOLAZIONE INTERNA ALLA GRECIA

È obbligatorio l'uso della mascherina in tutti gli spazi all’aperto e al chiuso e vige la limitazione alla circolazione diurna e il divieto di circolazione notturna (dalle 21.00 alle 5.00 tutti i giorni in tutta la Grecia; sono consentiti soltanto gli spostamenti per motivi di salute e per accompagnare animali domestici in prossimità dell'abitazione). Per consultare tutte le misure in vigore a seconda della Regione, si rimanda alla mappa interattiva (in greco), a cura delle Autorità elleniche. Il trasferimento da e verso il lavoro o durante l'orario di lavoro, se necessario, viene effettuato esclusivamente con un certificato di tipo A compilato a cura del datore di lavoro greco, disponibile sul sito forma.gov.gr e, con una traduzione di cortesia a cura di questa ambasciata, cliccando qui.

Gli spostamenti sono consentiti compilando e portando con sé un’autodichiarazione (disponibile sul sito forma.gov.gr, con una traduzione di cortesia (NON UFFICIALE) in italiano a cura di questa ambasciata, cliccando qui) o tramite SMS gratuito al numero 13033 (funzionante solo per i numeri cellulari greci, il servizio non è attivo per i numeri stranieri) per i seguenti motivi:

  1. Spostamento per motivi di salute (recarsi in farmacia entro un raggio di 2 km dall'indirizzo di residenza, visitare un medico o recarsi in un ospedale o in un centro sanitario, se consigliato dopo relativa comunicazione). [SMS - Opzione 1]
  2. Spostamento per recarsi presso un esercizio commerciale che vende generi di prima necessità, entro un raggio di 2 km dall'indirizzo di residenza, quando non sia possibile la consegna a casa. [SMS - Opzione 2]
  3. Spostamento per recarsi presso un servizio pubblico (ad es. in banca), entro un raggio di 2 km dall'indirizzo di residenza, quando non sia possibile la fruizione online o telefonica e solo per esigenze urgenti, previo appuntamento del quale il cittadino sia stato informato per iscritto o elettronicamente e con l'ulteriore condizione di dimostrare le suddette informazioni. Spostamento per recarsi in banca, nella misura in cui la transazione elettronica non è possibile. [SMS - Opzione 3]
  4. Spostamento per recarsi ad aiutare persone bisognose. Trasferimento da e verso il luogo di lavoro di un coniuge o parente di primo grado, qualora ve ne sia la necessità. Accompagnamento di uno studente a scuola da parte di un genitore o tutore [SMS - Opzione 4]
  5. Spostamento per andare a un funerale (consentite fino a 9 persone) o spostamento di genitori divorziati o separati, per garantire la comunicazione tra genitori e figli, in conformità con le disposizioni vigenti [SMS - Opzione 5]
  6. Esercizio fisico all'aperto (soltanto a piedi o in bicicletta) o spostamento con un animale domestico entro un raggio di 2 km dall'indirizzo di residenza, individualmente o fino a due (2) persone, purché in quest'ultimo caso sia rispettata la distanza necessaria di un metro e mezzo (1,5). Spostamento per sfamare animali randagi, se avviene all'interno del comune di residenza. [SMS - Opzione 6].

Il messaggio deve essere inviato in questa forma: numero dell’opzione prescelta nome e cognome della persona che effettua lo spostamento indirizzo di residenza (ad esempio: 6 Mario Rossi Sekeri 2).

Consentiti gli spostamenti per shopping per un massimo di 3 ore, a partire dal 5 aprile 2021, inviando un SMS gratuito (contenente soltanto nome e cognome e indirizzo di residenza) al numero 13032.

E' vietato spostarsi fuori dai confini dell’Unità regionale in cui ci si trova, ad eccezione che per gli spostamenti effettuati per i seguenti motivi, da comprovare con apposita documentazione: a) da e verso il luogo di lavoro, b) motivi di salute, c) ai fini del raggiungimento, un’unica volta, del luogo di residenza (da documentare tramite modello E1 della dichiarazione dei redditi in Grecia o tramite l’Attestazione di Residenza ad Uso Speciale scaricabile dal sito https://www.aade.gr/bebaiosi-katoikias-eidikis-hrisis. Se la residenza abituale è in Italia si dovrà essere in possesso di tutti i titoli di viaggio atti a giustificare lo spostamento verso la meta finale: es. biglietti aerei o di traghetti, documenti di identità) d) per ricongiungimenti familiari (ad esempio visite ai figli da parte di genitori separati o divorziati).

Dal 7 novembre 2020 sono inoltre vietati gli spostamenti marittimi interni, tranne che per l'isola di Samos e la Regione dell'Egeo settentrionale. Per le altre isole è consentito il solo trasporto di passeggeri per i seguenti motivi: a) lavoro, b) salute, c) assistenza a persona bisognosa di cure, d) funerale o ricongiungimento familiare, e) ritorno al proprio luogo di residenza (da documentare tramite modello E1 della dichiarazione dei redditi in Grecia o tramite l’Attestazione di Residenza ad Uso Speciale scaricabile dal sito https://www.aade.gr/bebaiosi-katoikias-eidikis-hrisis. Se la residenza abituale è in Italia si dovrà essere in possesso di tutti i titoli di viaggio atti a giustificare il suo spostamento verso la meta finale: es. biglietti aerei o di traghetti), f) ufficio pubblico, qualora non sia possibile effettuare l'operazione online e g) raccolta di prodotti agricoli. I traghetti interni funzioneranno al 50% della capienza o al 55% se dotati di cabine.

I ristoranti, bar, caffè, musei, cinema e teatri etc. rimarranno chiusi. Vige il divieto di incontri che comportano assembramenti (matrimoni e battesimi; per i funerali è consentito un numero massimo di 9 persone), incontri ed eventi pubblici e sociali, indipendentemente dal luogo, privato o pubblico, al chiuso o all'aperto.

In modalità di didattica a distanza tutti i gradi di istruzione. L'uso del taxi è consentito soltanto a 1 passeggero, mentre è consentito 1 solo passeggero oltre al conducente (esclusi i figli minori) negli spostamenti con auto privata. Le autorità greche raccomandano, ove possibile, l'uso di mezzi di trasporto individuali.

Sono previste restrizioni per l’ingresso presso gli ospedali, le cliniche, gli ambulatori e i centri di analisi (1 accompagnatore per paziente, operatività delle sale operatorie limitata dell’80%, rispetto del distanziamento di 1,5 m, eccetto che durante l'espletamento di funzioni mediche). Sono esclusi dalle predette restrizioni i centri di oncologia e i casi di urgenza.

Previste anche limitazioni all'operatività di Tribunali e Procure.

Sono previste sanzioni in caso di mancato rispetto delle istruzioni sanitarie disposte dalle Autorità greche.

Nota Bene: L'Ambasciata di Italia in Grecia, in collegamento con le autorità locali, assicura il massimo impegno nel rispondere alle domande che i connazionali in Grecia o in procinto di recarsi in Grecia stanno rivolgendo in relazione alle misure prese dalle Autorità greche nel contesto della crisi sanitaria del Covid-19. Nel far riserva di comunicare eventuali aggiornamenti in maniera tempestiva, si tiene a sottlineare che la situazione è in costante evoluzione. Le informazioni fornite sono pertanto da ritenersi al momento indicative e non intendono quindi sostituire le informazioni ufficiali fornite dalle Autorità locali.

Le Autorità greche si riservano di modificare le predette disposizioni alla luce dell’andamento del quadro epidemiologico. Per tutte le informazioni sulle modalità di ingresso in Grecia, si rimanda al sito governativo travel.gov.gr.

Per informazioni sul rientro in Italia dall’estero si possono consultare l'apposita sezione di questo sito e le FAQ pubblicate sul sito della Farnesina.

Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni delle autorità sanitarie locali e alle raccomandazioni pubblicate sul sito dell’Ente Nazionale per la Sanità ellenico e alla sezione domande e risposte presenti sul sito del Ministero italiano della Salute.

In caso di comparsa di sintomi riconducibili, secondo le competenti Autorità sanitarie, al coronavirus si raccomanda di contattare un medico o il numero dell’Ente Nazionale per la Sanità in Grecia (numero dedicato per il coronavirus 1135, numeri generali +30 210 521200 o +30 210 5212054) e di informare tempestivamente l’Ambasciata all'indirizzo mail cancelleria.atene@esteri.it.

Si raccomanda ai connazionali a monitorare la pagina dedicata alla Grecia del sito Viaggiare Sicuri, servizio dell’Unità di Crisi della Farnesina dove verrà riportata ogni notizia di interesse relativa alla Grecia.

Si invitano i connazionali non residenti in Grecia a registrarsi sul sito Dovesiamonelmondo, ulteriore servizio dell’Unità di Crisi del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, alimentato volontariamente dai connazionali in partenza per l’estero, che aiuta a pianificare in maniera più rapida e precisa l’attività di assistenza, qualora si verifichino situazioni di emergenza.

----

Per informazioni sulla campagna di vaccinazione avviata dalle Autorità greche è possibile consultare questo comunicato

----

 

Tenuto conto della situazione sanitaria internazionale si raccomanda vivamente a chiunque dovesse effettuare un viaggio all’estero, a qualsiasi titolo, di munirsi della Tessera Europea Assicurazione Malattia (TEAM) con cui i cittadini italiani non residenti in Grecia iscritti al Servizio Sanitario Nazionale possono avere accesso in Grecia ad alcune prestazioni sanitarie in modo gratuito.

Si raccomanda altresì di sottoscrivere un’assicurazione sanitaria con un adeguato massimale, tale da coprire non solo le spese per eventuali cure mediche e terapie effettuate presso strutture ospedaliere e sanitarie locali, ma anche l’eventuale trasferimento aereo in un altro Paese o il rimpatrio del malato, nei casi più gravi anche per mezzo di aeroambulanza.
In caso di viaggi turistici organizzati, infine, si suggerisce di controllare attentamente il contenuto delle assicurazioni sanitarie comprese nei pacchetti di viaggio e, in assenza di garanzie adeguate, si consiglia di stipulare polizze assicurative sanitarie individuali.

----

RISPETTO DELLE MISURE IGIENICO-SANITARIE

Numero nazionale per informazioni generali: 1135 (gli operatori rispondono in greco).

Si raccomanda di seguire scrupolosamente le indicazioni consultabili (in inglese) sul sito dell’Ente Nazionale per la Sanità ellenico (EODY) ed eventuali misure ulteriori intraprese a livello locale.

In caso di comparsa di sintomatologie riconducibili al COVID-19 (febbre, tosse, mal di gola, difficoltà o insufficienza respiratoria), consultate il vostro medico o l’EODY al 1135 o ai numeri 210 52 12 054 e 214 214 2000.

Il tampone viene effettuato a titolo gratuito presso tutti gli ospedali pubblici e a pagamento presso quelli privati.

Raccomandazioni specifiche per le categorie a rischio (persone di età superiore ai 70 anni e pazienti affetti da malattie cardiovascolari croniche, diabete e patologie immunosoppressive croniche come definito dal proprio medico curante):

· evitare viaggi inutili, all'interno del Paese o all'estero;

· seguire scrupolosamente le raccomandazioni di profilassi;

· divieto di visite non necessarie a persone appartenenti a categorie a rischio in centri diurni, centri di riabilitazione, reparti di degenza e unità di nefrologia.

 

Per informazioni aggiuntive sulla situazione in Grecia, è possibile consultare il sito (in greco)

CoVid19.gov.gr

featured general 

 

Lista dei medici italofoni contattabili in caso di necessità

Ospedali di riferimento resi noti dal Ministero della Salute ellenico

 

1. Ospedale “I Sotiria”

Mesogeion 152, Atene

Tel. 210 776 3100

 

2. Ospedale Generale di Atene “Evangelismos”

Ypsilantou 45-47, Atene

Tel. 213 204 1000

 

3. Ospedale Universitario Generale “Attikon”

Rimini 1, Chaidari

Tel. 210 5831 000

 

4. Ospedale Generale “Thriasio” Elefsinas

Leof. G. Gennimata, Elefsina

Tel. 213 202 8000

 

5. Ospedale Universitario Generale “AXEPA” Salonicco

Kiriakidi 1, Thessaloniki

Tel. 231 330 3110

 

6. Ospedale Universitario Generale di Alexandroupolis

Alexandropoli, 681 00

Tel. 2551 353000

 

7. Ospedale Generale “Bodosakio” Ptolemaidas

Thesi Kouri, Ptolemaida

Tel. 2463 351550

 

8. Ospedale Universitario Generale di Larissa

Tsakalof 1, Larissa

Tel. 241 350 1000

 

9. Ospedale Generale di Lamia

Papasiopoulou, Lamia

Tel. 2231 35 6000

 

10. Ospedale Universitario Generale “Panagia I Voithia” di Patrasso

Rio, 26504, Patrasso

Tel. 261 360 3000

 

11. Ospedale Universitario Generale di Ioannina

Stavrou Niarchou, Ioannina

Tel. 26510 99111

 

12. Ospedale Universitario Generale di Irakleio

Panepistimiou, Irakleio

Tel. 281 340 2111

 

13. Ospedale Generale “Agios Georgios”

Agiou Eleftheriou, Chania

Tel. 2821 342000

 


695