Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Coronavirus COVID-19: situazione in Grecia

 

Coronavirus COVID-19: situazione in Grecia

Al 29 Maggio 2020, i casi di infezione da coronavirus in Grecia sono 2.909, con maggiore concentrazione ad Atene. 16 casi sono ricoverati in terapia intensiva, 175 i decessi.

A partire dal 18 maggio, sono possibili gli spostamenti, anche al di fuori nella regione di residenza (νομός μόνιμης κατοικίας), mentre dal 25 maggio anche verso le isole. Si ricorda, in via generale, che il Governo greco sconsiglia gli spostamenti non necessari e l’uso dei mezzi pubblici. Vige l’obbligo di dispositivi di protezione individuale (mascherina) sui trasporti pubblici, negli ascensori, in ospedali e ambulatori. L’uso di dispositivi di protezione personale viene comunque consigliato in tutti gli altri ambienti chiusi, ove vige anche il rispetto della distanza interpersonale minima di 1,5 m. Le Autorità elleniche hanno fornito indicazioni sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, di cui è disponibile una traduzione non ufficiale in italiano, a cura dell’Ambasciata, cliccando qui.

Si riportano di seguito le misure di prevenzione e contenimento intraprese dal Ministero della Salute ellenico dall'inizio dell'epidemia, specificando che sono previste sanzioni per mancata conformità (da 150 a 300 euro per chi non si attiene all’obbligo di indossare la mascherina ove previsto).

------

TRASPORTI, MOVIMENTI DEI CONNAZIONALI E RACCOMANDAZIONI

  • Sospensione fino all 31 maggio dei collegamenti aerei con l'Italia, la Spagna, il Regno Unito e l'Olanda. Per informazioni sul rientro in Italia dall’estero si può visitare questa pagina del sito dell’Ambasciata, oltre che le FAQ pubblicate sul sito della Farnesina;
  • Interruzione del trasporto marittimo di passeggeri da e verso l'Italia, ad eccezione del trasporto di merci;
  • Chiusura della frontiera con Albania e Macedonia del Nord (consentito il passaggio solo per il trasporto merci e per i cittadini e residenti greci). Misure analoghe sono state prese, dall’altro lato, dai Paesi confinanti (Bulgaria inclusa);
  • Divieto di attracco nei porti greci delle navi da crociera e delle navi di tipo "one day-cruise";
  • Autoisolamento obbligatorio di 14 giorni per chiunque arrivi dall’estero in Grecia. I passeggeri in arrivo all'Aeroporto Internazionale di Atene - fatta eccezione per quelli in transito - devono sottoporsi a un test per il coronavirus, che viene effettuato presso una struttura alberghiera. In caso di esito negativo ci si può recare al proprio alloggio per iniziare il periodo di autoisolamento. Le Autorità sanitarie elleniche forniscono istruzioni in caso di positività al virus. I cittadini privi di domicilio in Grecia sono tenuti a rimanere, per il lasso di tempo prescritto, nel luogo di residenza temporanea, come la casa di un parente o di un amico o un hotel. In caso di violazione dell'isolamento obbligatorio è prevista una sanzione di 5.000 euro.
  • Dal 18 maggio  è permesso lasciare la regione di residenza (Νομός μόνιμης κατοικίας), mentre dal 25 maggio è possibile raggiungere anche le isole da parte dei non residenti.
  • A partire da lunedì 11 maggio, ai titolari e ai dipendenti delle imprese e attività di cui è permessa la riapertura dall'11 maggio sono consentiti gli spostamenti per le isole e tra le isole. Per poter effettuare lo spostamento, è necessaria un'autocertificazione per i titolari di attività oppure un certificato scritto del datore di lavoro per i lavoratori dipendenti. Entrambi i suddetti documenti devono includere:

a) i dati del titolare/lavoratore autonomo/dipendente (nome, indirizzo, numero di telefono, AMKA);

b) il numero di protocollo della più recente inscrizione del dipendente nel sistema informativo "ERGANI" (ad es. modello E3 per l'assunzione, modello E4 per l'orario di lavoro, modello E8 per il lavoro straordinario, modello E9 per l'assunzione a tempo determinato);

c) il tipo di attività, correlato dal corrispondente codice KAD;

d) il codice fiscale/partita Iva dell'attività/impresa;

e) il luogo-isola di lavoro.

Queste dichiarazioni/certificati costituiscono un prerequisito per l'emissione del biglietto e l'imbarco sulla nave. Il passeggero è tenuto ad averli con sé in ogni momento al fine di esibirli in caso di ispezione.

Si raccomanda di verificare, per chi abbia urgente necessità di rientrare in Italia, se vi siano soluzioni alternative, optando per soluzioni aeree che passino per Paesi terzi che consentono ancora il rientro in Italia (dato in continua evoluzione) contattando sempre le compagnie aeree per avere conferma dell’operatività dei voli che sembrano essere disponibili. Si suggerisce inoltre - prima di acquistare i biglietti e prima della partenza - di informarsi sui siti delle Rappresentanze Diplomatiche Italiane dei Paesi di transito o su Viaggiare Sicuri per verificare la sussistenza di eventuali restrizioni o le condizioni in base alle quali è consentito o vietato il transito (affinché il transito sia consentito è quasi sempre necessario disporre già del biglietto per proseguire il viaggio verso l'Italia).. Si ribadisce di ridurre al minimo il numero degli spostamenti che non siano indispensabili, di rimanere nelle proprie abitazioni o alloggiamenti in assenza di un titolo di viaggio che consenta con certezza il rientro in Italia.

Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni delle autorità sanitarie locali e alle raccomandazioni pubblicate sul sito dell’Ente Nazionale per la Sanità ellenico e alla sezione domande e risposte presenti sul sito del Ministero italiano della Salute.

In caso di comparsa di sintomi riconducibili, secondo le competenti Autorità sanitarie, al coronavirus si raccomanda di contattare un medico o il numero dell’Ente Nazionale per la Sanità in Grecia (numero dedicato per il coronavirus 1135, numeri generali +30 210 521200 o +30 210 5212054) e di informare tempestivamente l’Ambasciata all'indirizzo mail cancelleria.atene@esteri.it.

Si raccomanda ai connazionali a monitorare la pagina dedicata alla Grecia del sito Viaggiare Sicuri, servizio dell’Unità di Crisi della Farnesina dove verrà riportata ogni notizia di interesse relativa alla Grecia.

Si invitano i connazionali non residenti in Grecia a registrarsi sul sito Dovesiamonelmondo, ulteriore servizio dell’Unità di Crisi del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, alimentato volontariamente dai connazionali in partenza per l’estero, che aiuta a pianificare in maniera più rapida e precisa l’attività di assistenza, qualora si verifichino situazioni di emergenza.

----

TURISMO

Si rammenta innanzitutto che in base alla normativa vigente in Italia, sono VIETATI tutti i viaggi e gli spostamenti per turismo dall’Italia all’estero.

Si segnala che il 13 aprile le Autorità elleniche hanno adottato un provvedimento che consente la risoluzione dei contratti tra le società turistiche e i loro clienti per la fornitura di servizi turistici individualmente o sotto forma di viaggi organizzati o locazioni noleggio di mezzi quali imbarcazioni da diporto, che sono denunciati dal 25 febbraio 2020 al 31 ottobre 2020.

In seguito al reclamo, la società è obbligata a restituire al cliente la somma che questi ha pagato come anticipo, garanzia, impegno, rimborso parziale o totale o in qualsiasi altra forma per l'esecuzione del contratto. La società turistica ha tuttavia anche la possibilità, in alternativa al rimborso, di offrire al cliente un voucher valido per diciotto (18) mesi dalla data della sua emissione.

La società è tenuta ad informare per iscritto il cliente dell'offerta del voucher entro trenta (30) giorni dalla data di risoluzione del contratto o, se il contratto è stato risolto prima dell'entrata in vigore di questo provvedimento legislativo, entro trenta (30) giorni dall'entrata in vigore dello stesso.

Nel caso in cui la società non informi per iscritto il cliente dell'offerta del voucher entro il termine di 30 giorni, dovrà restituire al cliente l'importo dovuto.

Qualora – in futuro - dovesse essere rimosso il divieto dei viaggi per turismo all’estero e decideste quindi di intraprendere un viaggio verso la Grecia, raccomandiamo caldamente, nel vostro interesse, di munirsi della Tessera europea assicurazione malattia (TEAM) e di un’assicurazione sanitaria con un adeguato massimale, tale da coprire non solo le spese per eventuali cure mediche e terapie effettuate presso strutture ospedaliere e sanitarie locali, ma anche l’eventuale trasferimento aereo in un altro Paese o il rimpatrio del malato, nei casi più gravi anche per mezzo di aeroambulanza.

In caso di viaggi turistici organizzati, infine, si suggerisce di controllare attentamente il contenuto delle assicurazioni sanitarie comprese nei pacchetti di viaggio e, in assenza di garanzie adeguate, si consiglia di stipulare polizze assicurative sanitarie individuali.

----

OPERATIVITA’ DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI E ALTRE LIMITAZIONI

  • Aperti, a partire dal 4 maggio e ad ingresso contingentato, oltre a supermercati (che osservano, in via di massima, l’orario dalle 7.00 alle 21.00 dal lunedì al venerdì e dalle 7.00 alle 20.00 il sabato), panetterie, farmacie, rifornitori di benzina, banche e filiera produttiva, librerie, cartolerie, giornalai, gli esercizi di vendita di computer e software, attrezzature per telecomunicazioni, attrezzature sportive, fioristi, revisioni auto, parrucchieri ed estetisti, servizi di riparazione a indumenti e scarpe, vendita di occhiali e apparecchi acustici.
  • Aperti, a partire dall'11 maggio e ad ingresso contingentato, i rimanenti esercizi commerciali, ad esclusione di centri commerciali, esercizi di ristorazione (caffè, bar, caffetterie, ristoranti, tranne quelli con servizio da asporto, per un massimo di 5 clienti alla volta, e quelli con servizio di consegna a domicilio). Per questi ultimi è attualmente prevista la riapertura il 1 giugno;
  • Aperti, a partire dal 18 maggio e ad ingresso contingentato, i siti archeologici; a partire dal 1 giugno, i cinema all'aperto e, a partire dal 15 giugno, i musei;
  • Divieto di aggregazione all’aria aperta per gruppi di più di 10 persone. Prevista una sanzione pecuniaria di 1.000 euro a persona in caso di contravvenzione;
  • Riduzione, fino a data da destinarsi, dell’operatività degli Sportelli al cittadino (KEP), con orario di apertura al pubblico da lunedì a venerdì dalle 07.30 alle 15.00 e ricevimento solo su appuntamento. Si segnala che è possibile richiedere online molti dei servizi erogati dal KEP;
  • Interruzione dell'operatività di strutture alberghiere e turistiche fino al 31 maggio. Operatività garantita soltanto per un albergo in ogni capoluogo di regione e tre alberghi ad Atene e Salonicco. Per consultare la lista delle strutture ad operatività garantita clicca qui;
  • Chiusura di stazioni sciistiche e stabilimenti balneari (pubblici, comunali e privati) su tutto il territorio nazionale;
  • Chiusura di biblioteche pubbliche, comunali e private, della biblioteca nazionale della Grecia (Ε.Β.Ε), delle sale di consultazione degli Archivi Generali dello Stato, e degli archivi in generale;
  • Chiusura delle sale adibite a spettacoli e dei locali di attività analoghe, dei musei, dei siti e degli edifice storici ed archeologici, nonché di analoghi centri frequentati da visitatori;
  • Riapertura, a partire dall'11 maggio, delle imprese private di gioco d’azzardo e di scommesse;
  • Chiusura dei parchi tematici (parchi ludici, Luna Park, sagre e feste popolari, di esposizioni di carattere commerciale ecc.) ad eccezione dei luoghi pubblici di ristoro all’aperto e dei luoghi pubblici di allenamento all’aperto per l’attività di allenamento/sportiva individuale;
  • Sospensione delle visite al Monte Athos;
  • Sospensione degli spostamenti e delle visite di alunni e insegnanti svolte nell’ambito di programmi europei od internazionali e sospensione dell’operatività delle sezioni di lingua greca e delle unita’ scolastiche di ogni natura delle strutture di insegnamento straniere/dell’estero;
  • Sospensione dell’operatività di tutti i Tribunali e delle Procure in tutto il territorio nazionale, come anche il funzionamento della scuola nazionale di funzionari giudiziari;
  • Chiusura completa degli asili nido, delle scuole materne e degli asili, delle scuole, delle università, dei centri di lingue straniere, dei doposcuola e di ogni struttura educativa di qualsiasi natura, di enti e di fondazioni sia pubbliche che private. Graduale riapertura delle scuole medie e superiori, a partire dall’11 maggio (terza liceo) e 18 maggio (medie e liceo);
  • Sospensione di conferenze, congressi e riunioni;
  • Sospensione dell’operatività dei centri per anziani.

Strumenti di sostegno economico per i lavoratori previsti dal governo greco

A titolo informativo, si riporta quanto in vigore per il sussidio di 800 euro previsto per i lavoratori dipendenti il cui contratto è stato sospeso (o perché l’azienda per cui lavorano rientra nelle categorie soggette a chiusura obbligatoria dal 15 marzo o perché il datore di lavoro ha optato per la sospensione del contratto di lavoro, sempre col presupposto che l’attività principale dell’azienda rientri fra quelle determinate dal governo come danneggiate dalla congiuntura):

1. Il datore di lavoro sospende il contratto nel portale ERGANI e il lavoratore ne vidima la sospensione per accettazione (condizione obbligatoria per poter ricevere il sussidio). Durante la sospensione, il lavoratore non può essere licenziato dal datore di lavoro. La sospensione ha durata di 45 giorni, a partire dalla data di sospensione da parte del datore di lavoro, oppure (per le aziende a chiusura obbligatoria) a partire dal 15 marzo e fino al 30 aprile.

2. I dipendenti di aziende soggette a chiusura obbligatoria possono fare domanda di sussidio dal 1 al 10 aprile, mentre i dipendenti di aziende danneggiate a cui sia stato sospeso il contratto dal datore di lavoro possono fare domanda di sussidio dal 1 al 30 aprile.

3. La domanda di sussidio va inoltrata dal lavoratore all’indirizzo supportemployees.yeka.gr, attivo dal 1 aprile, soltanto a condizione che sia stata preceduta dalle azioni previste sul portale ERGANI per il datore di lavoro.

4. Misure di sostegno aggiuntive: se il lavoratore il cui contratto è stato sospeso vive in affitto, riceve uno sconto del 40% su una locazione mensile, dichiarando i dati dell’appartamento e del locatore (AFM, ecc.) sempre all’indirizzo supportemployees.yeka.gr.

5. Tempistica di erogazione del sussidio: per la prima categoria (domanda dal 1 al 10 aprile) entro il 10 aprile, per la seconda categoria (dal 1 al 30 aprile), dal 10 al 30 aprile.

Per informazioni dettagliate (in greco) e lista dei codici di attività aventi diritto al sostegno economico, si prega di fare riferimento alle disposizioni per il mese di aprile pubblicate dal Ministero ellenico delle Finanze.

Per altre informazioni relative all’assistenza economica è possibile leggere questa pagina del sito dell’Ambasciata.

  

RISPETTO DELLE MISURE IGIENICO-SANITARIE

Numero nazionale per informazioni generali: 1135 (gli operatori rispondono in greco).

Si raccomanda di seguire scrupolosamente le indicazioni consultabili (in inglese) sul sito dell’Ente Nazionale per la Sanità ellenico (EODY) ed eventuali misure ulteriori intraprese a livello locale.

In caso di comparsa di sintomatologie riconducibili al COVID-19 (febbre, tosse, mal di gola, difficoltà o insufficienza respiratoria), consultate il vostro medico o l’EODY al 1135 o i numeri 210 52 12 054 e 214 214 2000.

Il tampone viene effettuato a titolo gratuito presso tutti gli ospedali pubblici e a pagamento presso quelli privati.

Raccomandazioni specifiche per le categorie a rischio (persone di età superiore ai 70 anni e pazienti affetti da malattie cardiovascolari croniche, diabete e patologie immunosoppressive croniche come definito dal proprio medico curante):

· evitare viaggi inutili, all'interno del Paese o all'estero;

· seguire scrupolosamente le raccomandazioni di profilassi;

· divieto di visite non necessarie a persone appartenenti a categorie a rischio in centri diurni, centri di riabilitazione, reparti di degenza e unità di nefrologia.

Il rinnovo delle prescrizioni mediche per patologie croniche è automaticamente prolungato fino al 30 giugno.

 

Per informazioni aggiuntive sulla situazione in Grecia, è possibile consultare il sito (in greco)

CoVid19.gov.gr

featured general 

 

Lista dei medici italofoni contattabili in caso di necessità

 

Lista delle strutture alberghiere attive

Lista in greco, pubblicata dal Ministero del Turismo ellenico

 

Ospedali di riferimento resi noti dal Ministero della Salute ellenico

 

1. Ospedale “I Sotiria”

Mesogeion 152, Atene

Tel. 21 0776 3100

 

2. Ospedale Generale di Atene “Evangelismos”

Ypsilantou 45-47, Atene

Tel. 213 204 1000

 

3. Ospedale Universitario Generale “Attikon”

Rimini 1, Chaidari

Tel. 210 5831 000

 

4. Ospedale Generale “Thriasio” Elefsinas

Leof. G. Gennimata, Elefsina

Tel. 213 202 8000

 

5. Ospedale Universitario Generale “AXEPA” Salonicco

Kiriakidi 1, Thessaloniki

Tel. 231 330 3110

 

6. Ospedale Universitario Generale di Alexandroupolis

Alexandropoli, 681 00

Tel. 2551 353000

 

7. Ospedale Generale “Bodosakio” Ptolemaidas

Thesi Kouri, Ptolemaida

Tel. 2463 351550

 

8. Ospedale Universitario Generale di Larissa

Tsakalof 1, Larissa

Tel. 241 350 1000

 

9. Ospedale Generale di Lamia

Papasiopoulou, Lamia

Tel. 2231 35 6000

 

10. Ospedale Universitario Generale “Panagia I Voithia” di Patrasso

Rio, 26504, Patrasso

Tel. 261 360 3000

 

11. Ospedale Universitario Generale di Ioannina

Stavrou Niarchou, Ioannina

Tel. 26510 99111

 

12. Ospedale Universitario Generale di Irakleio

Panepistimiou, Irakleio

Tel. 281 340 2111

 

13. Ospedale Generale “Agios Georgios”

Agiou Eleftheriou, Chania

Tel. 2821 342000

 


695