Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

MOSTRA "MAGIE D'AMBRA: AMULETI E GIOIELLI DALLA MAGNA GRECIA (BASILICATA) E DALLA MACEDONIA ANTICA". Salonicco, 23 luglio 2009-15 febbraio 2010

Data:

21/07/2009


MOSTRA

Il 22 luglio 2009 si inaugura alle ore 20,30 presso il Museo Archeologico di Salonicco la mostra «Magie d’ambra, amuleti e gioielli dalla Magna Grecia (Basilicata) e dalla Macedonia antica» che sarà aperta al pubblico dal 23 luglio 2009  al 15 febbraio 2010.

Alla cerimonia inaugurale interverranno per parte italiana: l’Ambasciatore d’Italia presso la Repubblica Ellenica, S. E. Gianpaolo Scarante, l’Assessore alla Agricoltura della Regione Basilicata, On. Vincenzo Viti, congiuntamente ad una delegazione di alti funzionari della Regione Basilicata ed i curatori italiani dell’esposizione, Prof. Marcello Tagliente, Dott. Alfonsina Russo e Dott. Salvatore  Bianco. 
La mostra archeologica, curata dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata, è stata promossa dal Ministero degli Affari Esteri e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la sua presentazione a Salonicco è il frutto di un’intensa e positiva collaborazione instauratasi tra l’Istituto Italiano di Cultura ed il Museo Archeologico.
Il piano scientifico prevede la presentazione di 180 reperti in ambra, rinvenuti in Basilicata, risalenti all’VIII ed il IV secolo a.C. In alcuni casi si tratta di  piccole sculture realizzate da intagliatori delle città greche della costa ionica e delle città etrusche della Campania, ma é possibile ammirare anche vere e proprie collane o cinture di inestimabile valore.
Miti, misteri e leggende accompagnano da oltre duemila anni la storia dell’ambra, con la quale si ricavano preziosi gioielli e amuleti. Fin dalla preistoria l’ambra ha attirato la curiosità dell’uomo per la singolare trasparenza, per l’energia elettrostatica che sprigiona dopo essere stata strofinata, per l’aroma resinoso quando brucia, per la leggerezza e per l’essere « calda » al tatto, a differenza delle altre gemme minerali. Tutto ciò ha contribuito ad assegnare all’ambra virtù magiche, apotropaiche e anche terapeutiche. 
La tradizione greca sosteneva che l’ambra grezza provenisse dall’Esperia, nel lontano e leggendario Occidente, forse perché giungeva in Grecia prevalentemente dall’Italia, attraverso l’Adriatico. Il mito più diffuso che narra l’origine dell’ambra é quello di Fetonte. Ovidio, nelle Metamorfosi, racconta che l’eroe, mentre attraversava il cielo con il carro del Sole ( suo Padre), fu fulminato da Zeus, poiché rischiava di ardere la terra avvicinandosi troppo ad essa. Fetonte morí precipitando sulla terra come una stella cadente, con le chiome avvolte dalle fiamme. Il suo corpo fu accolto dal fiume Eridano (il Po). Le tre sorelle, le Eliadi, a furia di piangere, si trasformarono lentamente in alberi. Le loro lacrime, che continuavano a stillare dai tronchi, vennero consolidate in ambra dal Sole.
La diffusione dell’ambra in Basilicata risale al secondo millennio a.C., tanto da costituire uno dei principali fossili-guida utilizzati per ricostruire la storia archeologica della regione stessa. Qui, infatti, come in ogni altra parte del mondo in cui é presente, é stata usata come amuleto o anche come rimedio naturale contro malattie di vario genere, e questo suo utilizzo é evidenziato dagli stessi soggetti raffigurati sui gioielli intagliati. Uno dei temi più ricorrenti é certamente quello delle donne, ed in particolare quello delle donne alate il cui compito é quello di accompagnare nell’aldilà, verso la salvezza ultraterrena. 
L’ambra, con la sua trasparenza, quindi, sembra quasi volere illuminare e proteggere il cammino nel mondo dell’Ade.
A Salonicco la mostra si arricchisce di una sezione di ambre rarissime provenienti dall’Antica Macedonia.

 

 


233