Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Grecia e Coronavirus – Domande frequenti

 

Grecia e Coronavirus – Domande frequenti

 

Grecia e Coronavirus – Domande frequenti


Alla luce dell’elevatissimo flusso di richieste relativo all’evoluzione della situazione coronavirus in Grecia, al settore turistico o comunque riguardanti la possibilità di recarsi in Grecia e tornare in Italia, l’Ambasciata d’Italia ad Atene ha predisposto una lista di domande frequenti con le relative risposte – sulla base della casistica più frequente registrata negli ultimi mesi.
Si tratta di un lavoro in divenire, che rifletterà necessariamente l’evoluzione dei provvedimenti adottati dalle Autorità greche in funzione della crisi epidemiologica. Questa pagina verrà quindi aggiornata, su base continuativa, qualora vi fossero novità di rilievo. Per un quadro aggiornato delle norme adottate dalle Autorità greche si rinvia anche a questa pagina. Si raccomanda anche di monitorare costantemente il sito Viaggiare Sicuri.

A partire dal 1 luglio sono stati ripristinati i collegamenti diretti (aerei e marittimi) tra Italia e Grecia.

A seguito della riattivazione dei collegamenti aerei e marittimi internazionali il Governo greco ha introdotto specifiche procedure di ingresso in ragione dell’emergenza da COVID-19 in corso, che invitiamo ad approfondire leggendo le seguenti FAQ. Si raccomanda comunque di prendere attenta visione sin d’ora del Sito predisposto dalle Autorità greche dove sono elencate le procedure previste all’arrivo in Grecia e dove è possibile compilare il Passenger Locator Form (PLF)), tramite cui si ricevera’ un codice Quick Response (QR). Il possesso del QR Code è condizione indispensabile per accedere nel Paese a partire dal primo luglio 2020. Le compagnie aeree e marittime, come le società di trasporti ferroviari e stradali, hanno l’obbligo – sancito dalle Autorita’ greche - di controllare il possesso della ricevuta di compilazione del modulo PLF completo di codice QR prima dell’imbarco del passeggero e, in caso di mancato possesso, hanno l’obbligo di rimpatriare il passeggero a loro spese. In ragione di questo provvedimento alcune compagnie aeree e marittime hanno iniziato a rifiutare l’imbarco dei passeggeri sprovvisti del modulo PLF completo di codice QR. Il sito è disponibile a  QUESTO LINK (al momento non consultabile con i browser Edge e Internet Explorer, si consiglia di utilizzare browser alternativi). 

Si precisa che la pagina travel.gov.gr è gestita dalle Autorità greche e non dall’Ambasciata d’Italia ad Atene. Per quesiti legati al
funzionamento del sito e/o dubbi sull’ingresso nel Paese connessi alla compilazione del PLF è possibile contattare il numero di assistenza indicato dalle Autorità greche: 00302155605151.

Si avvisa la gentile utenza che eventuali quesiti inviati via mail all’Ambasciata - a cui viene già fornita una risposta tramite le seguenti FAQ – verranno riscontrati esclusivamente tramite il rinvio a questa pagina.
Nel ringraziare i connazionali e l’utenza per la comprensione delle circostanze eccezionali in cui anche l’Ambasciata si trova a operare, si ricorda infine che l’Ambasciata rimane a disposizione per urgenti e comprovate necessità di natura consolare, tramite il numero di emergenza.
Tenuto conto della situazione sanitaria internazionale si raccomanda vivamente a chiunque dovesse effettuare un viaggio all’estero, a qualsiasi titolo, di munirsi della Tessera europea assicurazione malattia (TEAM) con cui i cittadini italiani non residenti in Grecia iscritti al Servizio Sanitario Nazionale possono avere accesso in Grecia ad alcune prestazioni sanitarie in modo gratuito.
Si raccomanda altresì di sottoscrivere un’assicurazione sanitaria con un adeguato massimale, tale da coprire non solo le spese per eventuali cure mediche e terapie effettuate presso strutture ospedaliere e sanitarie locali, ma anche l’eventuale trasferimento aereo in un altro Paese o il rimpatrio del malato, nei casi più gravi anche per mezzo di aeroambulanza.
In caso di viaggi turistici organizzati, infine, si suggerisce di controllare attentamente il contenuto delle assicurazioni sanitarie comprese nei pacchetti di viaggio e, in assenza di garanzie adeguate, si consiglia di stipulare polizze assicurative sanitarie individuali.

Si raccomanda infine a tutti i connazionali di registrare il proprio viaggio su www.dovesiamonelmondo.it, prima della partenza per la Grecia, indipendentemente dalla durata e dalle ragioni del viaggio (la registrazione è fortemente raccomandata anche per viaggi di breve durata in destinazioni turistiche).

 

ARRIVARE IN GRECIA

 

 

 

 

RIENTRARE IN ITALIA DALLA GRECIA

 


  

Posso andare in Grecia?

A seguito della riattivazione dei collegamenti aerei e marittimi internazionali il Governo greco ha introdotto specifiche procedure di ingresso in ragione dell’emergenza da COVID-19 in corso.

A partire dal 1° luglio 2020 le Autorità greche si riservano la possibilità di sottoporre i passeggeri in arrivo a un test rinofaringeo (tampone). Non è possibile sapere in anticipo se si verrà sottoposti al test a campione, che viene somministrato secondo criteri randomici, non noti a priori. Le Autorità greche si riservano la possibilità di valutare se sottoporre a tampone anche chi è in possesso di un test sierologico negativo effettuato nei giorni precedenti all’arrivo in Grecia.

Fino al 12 ottobre, coloro che verranno sottoposti al tampone dovranno restare in isolamento presso l'indirizzo di residenza o domicilio temporaneo  (dichiarato al momento della compilazione del PLF) fino all'esito del tampone, avendo cura di monitorare le proprie condizioni di salute. Sarà inoltre necessario attenersi a ogni altra misura specificatamente indicata dalle competenti Autorità greche, onde evitare di incorrere in sanzioni amministrative. In caso di comparsa di sintomi riconducibili al Covid-19, si dovrà immediatamente fare riferimento a un medico o all’Ente Nazionale Ellenico della Salute. Si veda anche la domanda All’arrivo sono stato sottoposto al tampone, ma nessuno mi ha ricontattato. Cosa devo fare?

In caso di positività, è necessario seguire scrupolosamente le indicazioni delle Autorità locali, anche in merito all’isolamento obbligatorio di 14 giorni (in caso di violazione del quale sono previste una sanzione amministrativa di 5.000 € e sanzioni penali).

A partire dal 1° luglio condizione indispensabile per accedere al Paese (via aereo, via terra, via nave, ma per le imbarcazioni private si veda il punto delle FAQ Posso arrivare in Grecia con un’imbarcazione privata?) è la compilazione di un modulo online (PLF) sul sito https://travel.gov.gr, compilato il quale si riceverà prima della partenza un codice Quick Response (QR). Le compagnie aeree e marittime, come le società di trasporti ferroviari e stradali, hanno l’obbligo – sancito dalle Autorita’ greche - di controllare il possesso della ricevuta di compilazione del modulo PLF completo di codice QR prima dell’imbarco del passeggero e, in caso di mancato possesso, hanno l’obbligo di rimpatriare il passeggero a loro spese. In ragione di questo provvedimento le compagnie aeree e marittime rifiutano l’imbarco dei passeggeri sprovvisti del modulo PLF completo di codice QR. Tramite il Passenger Locator Form (PLF) i viaggiatori devono fornire informazioni sul luogo di provenienza, sulla durata dei soggiorni precedenti in altri paesi e sull'indirizzo del proprio soggiorno in Grecia. Nel caso di soggiorni multipli nel corso del proprio viaggio in Grecia i viaggiatori sono tenuti a fornire l'indirizzo almeno per le prime 24 ore.

Si precisa che la pagina travel.gov.gr è gestita dalle Autorità greche e non dall’Ambasciata d’Italia ad Atene. Per quesiti legati al funzionamento del sito (al momento non consultabile con i browser Edge e Internet Explorer, si consiglia di utilizzare browser alternativi) e/o dubbi sull’ingresso nel Paese connessi alla compilazione del PLF è possibile contattare il numero di assistenza indicato e gestito dalle Autorità greche: 00302155605151.

Stando a quanto riportato dalle Autorità greche i viaggiatori riceveranno un'e-mail di conferma al momento del completamento del PLF. Alla mezzanotte del giorno del loro arrivo in Grecia riceveranno una seconda mail che conterrà il PLF insieme al proprio codice Quick Response (QR).

Tutti i viaggiatori devono inderogabilmente completare il PLF il giorno prima del loro arrivo in Grecia. Se la partenza del viaggio inizia prima del giorno di arrivo (ad esempio un volo che parte alle 23 e arriva in Grecia dopo la mezzanotte), i viaggiatori possono salire a bordo dopo aver mostrato l'e-mail di conferma (e non necessariamente il codice QR previsto arrivare, dopo la mezzanotte, mentre il viaggio e’ in corso). Alla luce dell’elevato numero di richieste processate dalle Autorità greche e di alcune segnalazioni sulla mancata ricezione del QR code in tempo utile per il viaggio si raccomanda di compilare il PLF con congruo anticipo, anche prima delle 24 ore indicate.

Si ricorda infine che l’effettiva operatività dei voli e dei traghetti dipende esclusivamente dalle scelte commerciali delle compagnie.

Fino al 12 ottobre, l’ingresso nel Paese è consentito ai viaggiatori provenienti per via aerea da Bulgaria, Romania, Emirati arabi, Malta, Belgio, Spagna, Albania, Macedonia del Nord, Ungheria e Israele (solo per l'Albania e la Macedonia del Nord, ammessi i voli sul solo aeroporto di Atene) soltanto su esibizione di test molecolare (PCR) negativo effettuato entro le ultime 72 ore (necessaria la certificazione del risultato in inglese, da presentare alle compagnie aeree, che hanno l’obbligo di vietare l’imbarco in mancanza di tale documento). Resta per tutti l’obbligo di compilazione del modulo PLF entro le 24 ore precedenti l’arrivo.

Fino al 5 ottobre, l’ingresso nel Paese per via aerea (nei soli aeroporti di Atene, Salonicco e Iraklio) è consentito ai viaggiatori residenti nella Federazione Russa, con un limite massimo di 500 viaggiatori a settimana, soltanto su esibizione di test molecolare (PCR) negativo.

Fino al 12 ottobre restano sospesi i voli di collegamento fra la Grecia e gli aeroporti della Catalogna. Vige anche la sospensione dei collegamenti aerei (con le eccezioni su menzionate per Albania e Macedonia del Nord), marittimi (inclusi quelli con imbarcazioni private) e via terra con Turchia, Albania e Macedonia del Nord. Sono esenti da tale restrizione il trasporto di merci, i trasporti sanitari, i cittadini greci o in possesso di permesso di soggiorno o residenti. Per le suddette categorie esenti dalla restrizione, sarà possibile fare ingresso nel Paese da tutti i valichi con orario limitato (7am-11pm), con ingresso limitato per il solo valico di Kakavià con l’Albania (750 persone al giorno), su esibizione di test molecolare (PCR) negativo effettuato entro le ultime 72 ore (necessaria la certificazione del risultato in inglese) e con l’obbligo di compilazione del modulo PLF entro le 24 ore precedenti l’arrivo.

Per quanto riguarda il confine con la Bulgaria, tutti i viaggiatori che entrano in Grecia per motivi non essenziali attraverso il valico di Promachonas sono tenuti a presentare all'arrivo un risultato di test molecolare negativo) per COVID-19, eseguito fino a 72 ore prima del loro ingresso in Grecia. I viaggiatori devono essere testati in laboratorio con RT-PCR di tampone orofaringeo o rinofaringeo. Per ulteriori dettagli sulla tipologia, forma e dettagli che devono essere riportati sul certificato di rimanda alla lettura delle informazioni su travel.gov.gr.

Le Autorità greche si riservano di modificare le predette disposizioni alla luce dell’andamento del quadro epidemiologico.

 

E’ possibile sapere in anticipo se verrò sottoposto al test a campione?

No, non è possibile sapere in anticipo se si verrà sottoposti al test a campione, che viene somministrato secondo criteri randomici, non noti a priori.

 

Cosa devo fare se vengo sottoposto al test a campione? Posso proseguire verso la mia destinazione finale?

Fino al 12 ottobre, coloro che verranno sottoposti al tampone dovranno restare in isolamento presso l'indirizzo di residenza o domicilio temporaneo (dichiarato al momento della compilazione del PLF) fino all'esito del tampone, avendo cura di monitorare le proprie condizioni di salute. Sarà inoltre necessario attenersi a ogni altra misura specificatamente indicata dalle competenti Autorità greche, onde evitare di incorrere in sanzioni amministrative. In caso di comparsa di sintomi riconducibili al Covid-19, si dovrà immediatamente fare riferimento a un medico o all’Ente Nazionale Ellenico della Salute.

Si veda anche la domanda All’arrivo sono stato sottoposto al tampone, ma nessuno mi ha ricontattato. Cosa devo fare?

In caso di positività, è necessario seguire scrupolosamente le indicazioni delle Autorità locali, anche in merito all’isolamento obbligatorio di 14 giorni (in caso di violazione del quale sono previste una sanzione amministrativa di 5.000 € e sanzioni penali).

 

E’ possibile presentare i risultati di un test sierologico effettuato 72 ore prima della partenza?

A seguito di verifiche con le Autorità greche si conferma, come già riportato nelle FAQ pubblicate su https://travel.gov.gr che la possibilità di essere esentati dal test a campione presentando i risultati di un test sierologico negativo effettuato prima della partenza è a completa discrezione delle Autorità greche all’arrivo. Non è quindi possibile escludere di essere sottoposti al test a campione all’arrivo anche se si è in possesso di un test sierologico negativo.

Fino al 12 ottobre, l’ingresso nel Paese è consentito ai viaggiatori provenienti per via aerea da Bulgaria, Romania, Emirati arabi, Malta, Belgio, Spagna, Albania, Macedonia del Nord, Ungheria e Israele (solo per l'Albania e la Macedonia del Nord, ammessi i voli sul solo aeroporto di Atene) soltanto su esibizione di test molecolare (PCR) negativo effettuato entro le ultime 72 ore (necessaria la certificazione del risultato in inglese, da presentare alle compagnie aeree, che hanno l’obbligo di vietare l’imbarco in mancanza di tale documento). Resta per tutti l’obbligo di compilazione del modulo PLF entro le 24 ore precedenti l’arrivo.

Fino al 5 ottobre, l’ingresso nel Paese per via aerea (nei soli aeroporti di Atene, Salonicco e Iraklio) è consentito ai viaggiatori residenti nella Federazione Russa, con un limite massimo di 500 viaggiatori a settimana, soltanto su esibizione di test molecolare (PCR) negativo.

Fino al 12 ottobre restano sospesi i voli di collegamento fra la Grecia e gli aeroporti della Catalogna. Vige anche la sospensione dei collegamenti aerei, marittimi (inclusi quelli con imbarcazioni private) e via terra con Turchia, Albania e Macedonia del Nord (con le eccezioni su menzionate per Albania e Macedonia del Nord). Sono esenti da tale restrizione il trasporto di merci, i trasporti sanitari, i cittadini greci o in possesso di permesso di soggiorno o residenti. Per le suddette categorie esenti dalla restrizione, sarà possibile fare ingresso nel Paese da tutti i valichi con orario limitato (7am-11pm), con ingresso limitato per il solo valico di Kakavià con l’Albania (750 persone al giorno), su esibizione di test molecolare (PCR) negativo effettuato entro le ultime 72 ore (necessaria la certificazione del risultato in inglese) e con l’obbligo di compilazione del modulo PLF entro le 24 ore precedenti l’arrivo.

Per quanto riguarda il confine con la Bulgaria, tutti i viaggiatori che entrano in Grecia per motivi non essenziali attraverso il valico di Promachonas sono tenuti a presentare all'arrivo un risultato di test molecolare negativo) per COVID-19, eseguito fino a 72 ore prima del loro ingresso in Grecia. I viaggiatori devono essere testati in laboratorio con RT-PCR di tampone orofaringeo o rinofaringeo. Per ulteriori dettagli sulla tipologia, forma e dettagli che devono essere riportati sul certificato di rimanda alla lettura delle informazioni su travel.gov.gr.

Le Autorità greche si riservano di modificare le predette disposizioni alla luce dell’andamento del quadro epidemiologico.

Si ricorda che tutti i viaggiatori in ingresso in Grecia dovranno compilare e inviare il modulo PLF.

 

All’arrivo sono stato sottoposto al tampone, ma nessuno mi ha ricontattato. Cosa devo fare?

Secondo quanto comunicato dalla Protezione Civile ellenica, si viene contattati dalle Autorità greche esclusivamente in caso di positività al tampone. Se, passate le 24 ore dal test, non si riceve alcuna comunicazione è possibile continuare liberamente il proprio soggiorno in Grecia.

 

Come devo compilare il PLF in caso di viaggi itineranti con soste multiple in Grecia?

Come specificato sul sito https://travel.gov.gr in caso di soggiorni multipli in Grecia ciascun viaggiatore è tenuto a fornire l’indirizzo di riferimento almeno per le prime 24 ore del proprio soggiorno in Grecia.

 

Con quanto anticipo devo compilare il PLF? Domani parto per la Grecia e non ho ancora ricevuto il QR code. Cosa posso fare?

Come specificato sul sito https://travel.gov.gr a partire dal 9 luglio 2020, tutti i viaggiatori devono inderogabilmente completare il PLF almeno 24 ore prima di entrare nel paese. Alla luce dell’elevato numero di richieste processate dalle Autorità greche e di alcune segnalazioni sulla mancata ricezione del QR code in tempo utile per il viaggio si raccomanda di compilare il PLF con congruo anticipo, anche prima delle 24 ore indicate.

Si precisa comunque che sempre su https://travel.gov.gr viene indicato che i viaggiatori riceveranno un'e-mail di conferma al momento del completamento del PLF e riceveranno in un secondo momento Il PLF insieme al proprio codice Quick Response (QR) unico alla mezzanotte del giorno del loro arrivo previsto in Grecia.

 

Quante persone devono compilare il PLF? Cosa devo fare in caso se viaggio con i miei figli minorenni?

Come specificato sul sito https://travel.gov.gr ogni passeggero è tenuto a compilare il proprio PLF per ricevere un QR code univoco. Nel caso di figli minorenni il modulo prevede uno spazio apposito (“Travel Companions – Family”) dove è possibile inserirli all’interno del PLF di un membro maggiorenne della famiglia.

 

Ho ancora quesiti/dubbi legati al funzionamento del sito e/o dubbi sull’ingresso nel Paese. Cosa posso fare?

Si ricorda innanzitutto che la pagina travel.gov.gr è gestita dalle Autorità greche e non dall’Ambasciata d’Italia ad Atene. Per quesiti
legati al funzionamento del sito e/o dubbi sull’ingresso nel Paese connessi alla compilazione del PLF è possibile contattare il numero di assistenza indicato dalle Autorità greche: 00302155605151.

 

Posso arrivare in Grecia in auto (a bordo di un traghetto)?

Sì, i traghetti tra Italia e Grecia sono tornati a essere operativi a partire dal 1° luglio 2020. E’ possibile arrivare in Grecia tramite traghetto compilando il modulo PLF (v. il punto delle FAQ Posso andare in Grecia? Devo fare qualcosa prima della mia partenza?).

 

Posso arrivare in Grecia in auto (arrivando dalla Turchia, dalla Bulgaria, dall’Albania o dalla Macedonia del Nord?

Fino al 12 ottobre vige la sospensione dei collegamenti aerei, marittimi (inclusi quelli con imbarcazioni private) e via terra con Turchia, Albania e Macedonia del Nord (solo per l'Albania e la Macedonia del Nord, ammessi i voli sul solo aeroporto di Atene). Sono esenti da tale restrizione il trasporto di merci, i trasporti sanitari, i cittadini greci o in possesso di permesso di soggiorno o residenti e coloro che si spostano per comprovati e documentati motivi di lavoro assolutamente necessari (questi ultimi, potranno fare ingresso nel Paese soltanto una volta fino al 31 agosto: se ne escono, non possono più tornare). Per le suddette categorie esenti dalla restrizione, sarà possibile fare ingresso nel Paese da tutti i valichi con orario limitato (7am-11pm), con ingresso limitato per il solo valico di Kakavià con l’Albania (750 persone al giorno), su esibizione di test molecolare (PCR) negativo effettuato entro le ultime 72 ore (necessaria la certificazione del risultato in inglese) e con l’obbligo di compilazione del modulo PLF entro le 24 ore precedenti l’arrivo.

Le Autorità greche si riservano di modificare le predette disposizioni alla luce dell’andamento del quadro epidemiologico.

Per quanto riguarda il confine con la Bulgaria, tutti i viaggiatori che entrano in Grecia per motivi non essenziali attraverso il valico di Promachonas sono tenuti a presentare all'arrivo un risultato di test molecolare negativo) per COVID-19, eseguito fino a 72 ore prima del loro ingresso in Grecia. I viaggiatori devono essere testati in laboratorio con RT-PCR di tampone orofaringeo o rinofaringeo. Per ulteriori dettagli sulla tipologia, forma e dettagli che devono essere riportati sul certificato di rimanda alla lettura delle informazioni su travel.gov.gr.

Si ricorda che tutti i viaggiatori in ingresso in Grecia dovranno compilare e inviare il modulo PLF (vedi anche il punto delle FAQ Cosa posso fare se ho problemi/dubbi con la compilazione?)

 

Posso arrivare in Grecia con un’imbarcazione privata?

A partire dal 1 luglio sono nuovamente consentiti gli arrivi via mare dall'Italia, sulla base del Decreto Ministeriale Congiunto n. Δ1α/ΓΠ.οικ. 41089 (GU 2663/B/30.06.2020). Le procedure di ingresso, nel caso di arrivo con imbarcazione privata, prevedono l'obbligo di compilazione della Maritime Declaration of Health, invece che del PLF, e di invio via mail alla competente Capitaneria di porto in Grecia. Per i recapiti delle Capitanerie di porto, è possibile consultare questo link. Si raccomanda di seguire le indicazioni delle competenti Autorità in merito a protocolli igienico-sanitari a bordo e in fase di sbarco e di rispettare le eventuali indicazioni impartite in merito ad autoisolamento e prevenzione.

Per quanto attiene agli ulteriori adempimenti amministrativi per l’attracco e lo stazionamento in porto è necessario rivolgersi alla competente Capitaneria di Porto, utilizzando il suddetto elenco, e ad un’agenzia marittima operante sul territorio, le quali sapranno fornire tutti i chiarimenti di cui si può aver bisogno.

In merito alla procedura da seguire per i membri dell’equipaggio che intendono proseguire successivamente il proprio viaggio in Grecia, sarà necessario compilare il PLF prima dello sbarco. Anche in questo caso è comunque raccomandabile rivolgersi con congruo anticipo alla Capitaneria di Porto competente per assicurarsi che non vi siano ulteriori adempimenti da espletare.

Fino al 12 ottobre SONO SOSPESI I COLLEGAMENTI MARITTIMI TRA GRECIA, ALBANIA E TURCHIA, inclusi quelli con imbarcazioni private. Sono esenti da tale restrizione i cittadini greci, quelli in possesso di permesso di soggiorno o i residenti/domiciliati in Grecia (sottoposti però, se in ingresso DALL'ALBANIA, all'obbligo di auto-isolamento per 7 giorni).

 

Come mi devo comportare al mio arrivo in Grecia? Devo osservare un periodo di quarantena?

No, la quarantena di 14 giorni è prevista solo nel caso in cui si risulti positivi ai test effettuati, a campione, all’ingresso in Grecia. Per maggiori dettagli sulle misure previste dalle Autorità greche, clicca qui.

 

Sono un cittadino italiano proveniente da un Paese Schengen che vuole rientrare in Italia facendo scalo ad Atene. Devo osservare un periodo di quarantena?

No.

 

Per rientrare in Italia devo fare scalo in Grecia. Saro’ sottoposto a tampone? Devo compilare il PLF?

Stando alle ultime informazioni disponibili ogni passeggero in arrivo in Grecia è tenuto a compilare il modulo PLF a prescindere dalla provenienza del volo, dal transito e dalla destinazione finale del viaggio. Stando a quanto raccolto presso le Autorità aeroportuali greche i passeggeri in transito dovrebbero essere esenti dal tampone. A tal fine è importante che la destinazione finale del viaggio (es. Italia) sia specificata nel PLF.

 

Sono un cittadino italiano temporaneamente in Grecia e ho un problema di salute: a chi posso chiedere aiuto?
Si consiglia di consultare la Lista dei medici italofoni contattabili in caso di necessità. Per ulteriori specializzazioni, consultare la lista più estesa cliccando qui.I cittadini italiani non residenti in Grecia, iscritti al "Servizio Sanitario Nazionale" possono avere accesso in Grecia alle prestazioni sanitarie di emergenza gratuite se sono titolari della tessera sanitaria europea (TEAM). Gli ospedali pubblici prestano assistenza sanitaria di emergenza in caso di necessità secondo un sistema di turnazione. Per ulteriori informazioni in merito alle modalità di fruizione dell’assistenza sanitaria in Grecia, si rimanda inoltre all’apposita sezione Consigli per i turisti.


Sono un cittadino italiano temporaneamente in Grecia e mi è scaduta la patente/la carta d’identità/il passaporto. Cosa posso fare?
L’articolo 104 del Decreto Cura Italia ha previsto la proroga, fino al 31 agosto 2020, della validità dei documenti di riconoscimento e di identita' di cui all'articolo 1, comma 1, lettere c), d) ed e), del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, rilasciati da amministrazioni pubbliche, scaduti o in scadenza successivamente alla data di entrata in vigore del Decreto (17 marzo 2020).
La validita' ai fini dell'espatrio resta limitata alla data di scadenza indicata nel documento.

 

Ho deciso di procedere all'annullamento della mia prenotazione alberghiera/la mia prenotazione alberghiera è stata annullata a causa dell'emergenza Covid-19: ho diritto a un rimborso?
Il 30 maggio le Autorità elleniche hanno adottato un provvedimento (L. 4690, art. 1, che ratifica l'art. 70 dell'Atto legislativo del 13.4.2020) che consente la risoluzione dei contratti tra le società turistiche e i loro clienti per la fornitura di servizi turistici individualmente o sotto forma di viaggi organizzati o locazioni/noleggio di mezzi quali imbarcazioni da diporto, che sono denunciati dal 25 febbraio 2020 al 30 settembre 2020.

Stando a quanto riferito dalle Autorità greche la legge si applicherebbe nei soli casi in cui la risoluzione del contratto dipenda da impedimenti oggettivi (ad esempio eventuale chiusura delle frontiere decisa dalle Autorita’ greche). Non sono disponibili, al momento, ulteriori informazioni disponibili su siti ufficiali delle Autorità greche. Qualora si dovessero avere dubbi sull’applicazione o sull’interpretazione della normativa si raccomanda di prendere contatto con un legale greco. A titolo meramente esemplificativo si puo’ fare riferimento all’elenco dei legali di riferimento di riferimento dell’Ambasciata. Si precisa che l’Ambasciata non risponde per l’operato dei legali riportati ne’ per le tariffe dagli stessi praticate e che l’elenco non e’ da ritenersi esaustivo.


Avevo programmato un viaggio in Grecia che prevedeva l’affitto in loco di un’imbarcazione da diporto/un trasferimento tramite traghetto di linea, ma ho deciso di non partire più/il mio viaggio è stato annullato: ho diritto a un rimborso?
La medesima normativa descritta nella precedente risposta prevede le medesime condizioni di rimborso/offerta di voucher. Si segnala che tali disposizioni hanno valore per trasporti marittimi non effettuati dal 25 febbraio 2020 al 31 ottobre 2020 (L. 4690,  art. 1, che ratifica l'art. 65 dell'Atto legislativo del 13.4.2020).

  

Cosa succede se risulto positivo al tampone?

Stando alle informazioni raccolte presso la Protezione Civile greca, in caso di infezione confermata il paziente viene contattato dalle Autorità greche, che gli forniscono indicazioni e organizzano il trasferimento in una struttura dedicata (hotel quarantena), dove dovrà rispettare un periodo di quarantena obbligatoria di quattordici giorni, che decorrono dal momento del tampone. Non è previsto un secondo test di conferma dei risultati. I risultati di eventuali altri esami medici relativi ad un soggetto positivo non vengono presi in considerazione. Per quanto riguarda i “close contacts” (persone venute a contattato/prossime alla persona positiva, es. amici, parenti, ecc.), le Autorità sanitarie elleniche raccomandano un periodo di quarantena di 10 giorni nel caso in cui il close contact non abbia ricevuto nel frattempo un referto medico in merito. Nel caso di un referto medico che attesti che il close contact non è contagioso, la quarantena può essere ridotta a 7 giorni.

 

Nel caso in cui un passeggero del mio stesso volo/traghetto dovesse risultare positivo al test, cosa succede agli altri passeggeri? Sono tutti tenuti a sottoporsi al periodo di quarantena di 14 giorni?

No, secondo quanto riferito dalla Protezione Civile greca l’autoisolamento di 14 giorni si applica solo a quanti dovessero risultare positivi al test e non a tutti i passeggeri di un volo/traghetto. La stessa Protezione Civile darà indicazioni precise sulle modalità secondo le quali dovrà eseguirsi la quarantena.

 

RIENTRARE IN ITALIA DALLA GRECIA

 

Posso rientrare in Italia? Come mi devo comportare al mio arrivo in Italia? Devo fare la quarantena? Quali autodichiarazioni devo avere con me? Una volta arrivato in Italia devo assolvere altri adempimenti previsti dalla legge?
Oltre a rimandare alle FAQ pubblicate sul sito della Farnesina, per informazioni sulle misure di prevenzione introdotte dall'Ordinanza del Ministro della Salute del 12 agosto (obbligo di test per chi rientra in Italia dalla Grecia), la cui validità è stata prorogata fino al 7 ottobre dal DPCM del 7 settembre 2020 si rinvia alla lettura dell'approfondimento pubblicato su questa pagina.

 

Sono in Grecia e non ho con me il permesso di soggiorno italiano/mi è stato rubato o è scaduto. Cosa posso fare?
Dopo aver consultato la sezione relativa ai visti di reingresso (cliccando qui) dovrete inviare via mail all’indirizzo cancelleria.atene@esteri.it una copia fronte retro del passaporto, del permesso di soggiorno e della relativa denuncia di smarrimento presentata alle Autorità greche.

 

Ho il permesso di soggiorno italiano valido/un visto tipo D con entrate multiple, ma sono in Grecia da più di 90 giorni, cosa devo fare?

La proroga del periodo massimo di permanenza in territorio greco, ove ne sussistano I presupposti, è esclusiva competenza della Autorita’ greche, che possono essere contattate ai seguenti recapiti:
Police security departments and aliens” divisions - ALIENS DIVISION -ATTICA, 24, P. Ralli Str., 177 78 Tavros, Information Desk tel . 210 3405887, 210 3405815, 210 3405817.

 

 

 


712